AVVISO PUBBLICO PROCEDURA PER L’ACCREDITAMENTO DELLE LIBRERIE E CARTOLIBRERIE PER LA FORNITURA DEI LIBRI DI TESTO AGLI ALUNNI DELLE SCUOLE SECONDARIE MEDIANTE IL RITIRO DEL BUONO LIBRI ANNO SCOLASTICO 2020/2021.

Data:
31 Luglio 2020
Immagine non trovata
Premesso che
?    Il Comune di Calvizzano assicura la fornitura gratuita dei libri di testo agli alunni delle scuole primarie, statali e private paritarie, in ottemperanza alle disposizioni di cui all’art.
1 delle legge 10 agosto 1964, n. 719 e dell’art. 156 del D. Lgs 16 aprile 1994, n. 297, che prevedono l’assolvimento di tale obbligo da parte   dei Comuni secondo modalità stabilite dalle leggi delle singole Regioni;
?    La Regione Campania, con Legge Regionale    1°  febbraio 2005 n. 4, recante “Norme regionali per l’esercizio del diritto all’istruzione e alla formazione”, tra l’altro promuove e sostiene azioni volte a rendere effettivo il diritto allo studio e all’apprendimento lungo l’arco della vita, nel rispetto dei livelli essenziali definiti dallo Stato e del principio di sussidiarietà;
?    Questo Comune, ai sensi della legge 23 dicembre 1998, n. 448 all’art. 27, comma 1, e della legge 27/12/2006 n. 296, comma 628 dell’art. 1, assicura la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo, in favore degli studenti frequentanti le scuole secondarie aventi sede sul territorio comunale;
?    Nella more che la Giunta  Regionale  della  Campania,  decida i criteri di riparto del fondo statale e gli indirizzi  regionali relativi ai criteri e modalità di concessione dei contributi libri di testo  per  la  fornitura  gratuita  o semigratuita  di  libri  di  testo  in  favore  degli  alunni  meno  abbienti  delle  scuole dell’obbligo e secondarie superiori e le risorse  assegnate  al  Comune  di Calvizzano per l’anno scolastico 2020/2021;
      che, altresì, in ottemperanza alla Delibera n.425 del 03/07/2018 con la quale la Giunta Regionale prende atto dello schema di convenzione tra la  Regione  Campania,  l’ANCI  Campania,  la  ALI – Associazione Librari Italiani-Confcommercio-Imprese per l’Italia e il S.I.L. –Sindacato Italiano Librari e cartolibrari – Confesercenti, hanno sottoscritto la Convenzione per il diritto allo studio e l’efficienza della distribuzione delle cedole librarie (buono-libri) alle famiglie;
      Le cedole librarie per le scuole secondarie di   1° e 2° grado aventi sede sul territorio comunale, il cui valore sarà determinato dai Comuni in base alle proprie graduatorie e nei limiti del costo dei libri   della dotazione   dei testi nella classe frequentataai sensi del decreto del MIUR n. 781/2013, sono emesse e distribuite anche per il tramite  della rete scolastica, alle famiglie per il successivo utilizzo, presso le librerie affiliate ad A.L.I. o S.I.L. e/o comunque accreditate e convenzionate con il Comuni, per l’acquisto dei testi scolastici e degli altri sussidi didattici”
 
            Tanto premesso  è stata la procedura di accreditamento delle librerie e cartolibrerie che         manifestino la disponibilità a convenzionarsi con il Comune di Calvizzano ed approvato il    presente avviso pubblico, lo schema di  convenzione e la relativa domanda.
 
SI RENDE NOTO       Indicazioni operative per la partecipazione
?    I soggetti che intendono presentare istanza per l’inserimento nell’elenco degli esercenti librari e cartolibrari convenzionati con il Comune di Calvizzano devono essere in possesso:
a) Dell’autorizzazione amministrativa per la vendita al dettaglio in sede fissa, rilasciata in conformità della legislazione vigente;
b) dell’iscrizione alla CCAA per la specifica categoria merceologica individuata  dal codice ATECO 2007:47.61.00” Commercio al dettaglio di libri nuovi in esercizi specializzati con esclusione della vendita di libri usati”.
c) Il richiedente l’accreditamento dichiarerà altresì:
-    di non trovarsi in alcuna delle condizioni di cui all’art. 80 del D. Lgs n. 50/2016;
-     di essere in regola con gli obblighi in materia di tracciabilità finanziaria, di cui all’art. 3 della Legge n. 136/2010 e s.m.i., indicando, in particolare, gli estremi identificativi dei conti correnti “dedicati” a pagamenti nell’ambito delle commesse pubbliche ed i nominativi delle persone delegate ad operare su tale/i conto/i;
-     che l’esercizio commerciale opera nel pieno rispetto delle leggi, dei regolamenti e ordinanze comunali  vigenti,  in  tema  di  autorizzazione  all’esercizio  dell’attività,  e  rispetto  delle normative in materia previdenziale, assicurativa e antimafia;
-     che non si trova in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo e che non siano in corso procedimenti per la dichiarazione di  una di tali situazione;
-     l’insussistenza di sentenza di condanna passata in giudicato o di decreto penale di condanna divenuto irrevocabile ovvero sentenza di applicazione della pena su richiesta ai sensi  dell’art.
444 del Codice di procedura penale per reati gravi in danno dello stato o della comunità che incidono sulla moralità professionale;
-     l’insussistenza  di  un  procedimento  pendente  per  l’applicazione  di  una  delle  misure  di prevenzione  di  cui  all’art.  3  delle  legge  1423/56  o  di  una  delle  cause  ostative  previste dall’art. 10  della Legge 575/65;
 
       Convenzione
 
Sulla base delle domande pervenute ed ammesse sarà preliminarmente sottoscritta convenzione, come da schema allegato. Successivamente sarà predisposto e pubblicato sul sito istituzionale del Comune ed inviato alle Istituzioni Scolastiche interessate, l’elenco dei soggetti accreditati alle quali le famiglie e/o gli studenti potranno rivolgersi per spendere il buono-libri.
 
Modalità per il ritiro dei buoni-libro
 
Il buono-libri precompilato, a cura del Comune- Servizio Pubblica Istruzione – sarà consegnato alle Istituzioni Scolastiche che, a loro volta, provvederanno alla consegna direttamente agli esercenti la potestà genitoriale sugli alunni o, in alternativa ai loro rappresentanti legali o agli stessi studenti se maggiorenni. Pertanto, non possono essere consegnate a rappresentanti di case editrici, esercenti di attività commerciali, e a persone non legate agli alunni dai suddetti rapporti. Conseguentemente, gli esercenti di librerie o cartolibrerie  convenzionate possono ritirare i buoni-libri esclusivamente dai soggetti prima individuati. Solo gli esercenti di librerie/cartolibrerie accreditati e convenzionati con il Comune, o quelli affiliati ad A.L.I. o S.I.L. potranno ritirare i buoni libri emessi dal Comune, recanti la firma del dirigente comunale e consegnare agli utenti i libri adottati dalle relative scuole.
 
Fatturazione
 
Le fatture elettroniche – provviste di CIG -    emesse dagli esercenti di librerie/cartolibrerie relative ai buoni libri ritirati dovranno essere indirizzate  al Comune di Calvizzano- I Settore- Servizio Pubblica Istruzione e contenere numero/data della determina di impegno della spesa e il codice univoco. Al fine dei successivi controlli amministrativi e contabili, congiuntamente alla fattura dovrà essere trasmesso apposito elenco contenente i dati identificativi dei buoni libri ritirati (numero e data di emissione)  in assenza del quale  non sarà possibile procedere alla liquidazione.
 
Modalità di presentazione delle istanze
 
Gli esercenti  librari e cartolibrari  che intendono accreditarsi e convenzionarsi con il Comune Calvizzano per fornire i libri scolastici per l’anno scolastico 2020/2021 mediante il ritiro del buono-libri, dovranno presentare apposita domanda utilizzando il modello allegato, entro il termine del  31/08/2020 ore 14,00
 
a)  La     domanda     potrà     essere     presentata:     a     mezzo     PEC           all’indirizzo comune@calvizzano.telecompost.it allegando la prevista documentazione;
b)  Mediante consegna a mano, allegando la prevista documentazione, all’Ufficio Protocollo del Comune, ubicato presso la sede municipale al Largo Caracciolo, 1.
 
Ai sensi dell’art. 11 del DPR 403/98 e dell’art. 6, comma 3, del DPCM 221/99 il Comune di Calvizzano procederà ad idonei controlli sulla veridicità della dichiarazione sostitutiva. Qualora dal controllo emerga la non veridicità del contenuto  della domanda e della dichiarazione prodotta, il dichiarante sarà soggetto alle sanzioni penali previste all’art. 76 del DPR 445/00.
Per eventuali informazioni è possibile rivolgersi al  Servizio Pubblica Istruzione. 

Ultimo aggiornamento

Domenica 09 Maggio 2021