Esoneri contributivi aziende con certificazione di genere e interventi promozione parità nel lavoro

Un nuovo decreto del Ministero del Lavoro definisce criteri e modalità di concessione degli esoneri, per i quali occorrerà presentare apposita domanda all'INPS

Data di pubblicazione:
06 Dicembre 2022
Esoneri contributivi aziende con certificazione di genere e interventi promozione parità nel lavoro

L'art.5 della legge 162/2021 ha previsto, a decorrere dall'anno 2022 e nel limite di 50 milioni di euro annui, un esonero dal versamento dei complessivi contributi previdenziali per i datori di lavoro del settore privato che conseguano la certificazione della parità di genere, quale attestazione del loro concreto impegno per la riduzione delle disparità di genere.

Il decreto adottato il 20 ottobre 2022 dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con i Ministri per le Pari Opportunità e la Famiglia e dell'Economia e delle Finanze, di attuazione della predetta disposizione, definisce criteri e modalità di concessione di tali esoneri, per i quali occorrerà presentare apposita domanda all'INPS, secondo le istruzioni rese disponibili a breve dal medesimo Istituto.

Il provvedimento prevede altresì che, in attuazione dell'articolo 1, comma 138, della legge 234/2021, ulteriori interventi finalizzati alla promozione della parità salariale di genere e della partecipazione delle donne al mercato del lavoro siano realizzati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in collaborazione con l'Istituto nazionale per l'analisi delle politiche pubbliche (INAPP) e in accordo con il Dipartimento per le Pari Opportunità che ne assicurerà la coerenza rispetto al Piano strategico nazionale per la parità di genere.

Fonte: Omnia del Sindaco

Ultimo aggiornamento

Venerdi 20 Gennaio 2023